Questo mese parliamo di rescue.

Che lo chiamate ibrido o rescue, che vi piaccia o no, e’ ora di ammettere che e’ un bastone estremamente versatile.

Può tirarci fuori dai guai in molte situazioni.

Per esempio, può essere usato per colpire la palla in rough quando un ferro 3 o un ferro 4 ci renderebbero la vita molto difficile, oppure, ci può aiutare a far fermare la palla nei lunghi par 3 dove i ferri non farebbero altrettanto.

Ma soprattutto, e questo e’ l’argomento di questo mese, ci può aiutare anche a fare gli approcci a correre vicino al green .

Facciamo un passo indietro e vediamo perché questo bastone ha tutte queste qualità.

E’ un bastone di nuova concezione, fino a 15/20 anni fa non esisteva.

E’ progettato per allontanare il peso dalla faccia del bastone e produrre con facilità colpi che volano anche con loft bassi.

La sua suola larga consente di giocarlo anche quando la palla e’ sul primo taglio di rough evitandoci di usare ferri lunghi che risentirebbero maggiormente della resistenza dell’erba all’impatto, rendendoci difficile far volare la palla.

Per le sue qualità e’ un bastone altamente maneggevole che lo rende adatto anche a produrre colpi a correre intorno al green, sia dal collar, sia dal fairway.

Come sostituto del chip and run e’ particolarmente indicato sui campi liks dove, molto spesso, i green sono a più gradini ed e’ necessario far rotolare la palla per tanti metri (es. 30 mt).

Questo mese impariamo a usare questo bastone per fare un colpo a correre intorno al green.

Le condizioni nelle quali eseguirò questo colpo sono di un campo parkland ma non ne escludono l’utilizzo.

Per prima cosa grippiamo il bastone più corto e riproduciamo il grip che usiamo per il putt.

Appoggiamo la suola del bastone in modo che non sia appoggiata sul tacco, e avviciniamoci alla palla. Posizioniamo la palla in centro allo stance.

Ci troveremo con le braccia un po’ flesse e gli occhi quasi sopra alla palla.

A questo punto riproduciamo lo swing del putt facendo particolare attenzione a colpire la palla al centro della faccia del bastone.

La palla farà un piccolo salto e partirà subito a rotolare.

Per vedere come si fa clicca qui: https://youtu.be/BkqIfK3zP20

La spinta che il bastone darà alla palla sarà forte e la palla correrà decisa in avanti.

Per “avere questo colpo in sacca “ e’ necessario praticarlo per acquisire la giusta sensibilità e trasmettere alla palla la forza corretta a seconda della distanza che vogliamo farle percorrere.

Ricordatevi che la velocità dei green influisce pesantemente sulla forza da applicare alla palla.

Buona pratica !

Tanti auguri giuliafranchinigolf!

Il mio blog compie 10 anni! 
Iscriviti alla newsletter e riceverai il 10% su una lezione individuale.

Privacy

Iscrizione avvenuta con successo!