(Prima parte) Non è una novità che il modo di grippare il bastone da golf sia un requisito fondamentale per far volare nella direzione desiderata la palla, ma siete proprio sicuri di saperne abbastanza ?

Vi posso dare un paio di indicazioni di massima che vi aiuteranno a capire la relazione tra la posizione delle mani sul grip e la posizione della faccia del bastone all’apice del backswing. Per prima cosa scordatevi che esista un grip giusto in senso assoluto e un grip sbagliato. Il grip dipende, per prima cosa, dalle dimensioni delle vostre mani, a questa regola ovviamente esistono delle eccezioni , ma in linea di massima si dividono le mani in tre categorie:

  • mani piccole
  • mani con dita lunghe
  • mani grandi con dita grosse

Nel caso di mani piccole è consigliato il così detto “Baseball Grip”, cioè un grip a dieci dita che vi faccia sentire il bastone ben saldo in mano (esempio bambini).

Chi invece ha mani con dita lunghe si troverà meglio a grippare il bastone con il così detto “Verdon Grip” o “Overlap”, cioè con il mignolo della mano destra (per un giocatore destrorso) solo appoggiato tra l’indice e il medio della mano sinistra.

Per chi avesse mani con dita grosse e corte è raccomandato il grip” Interlock”, che facilita la presa e il contatto delle mani con il grip del bastone; questo tipo di grip prevede che il mignolo della mano destra (per un giocatore destrorso) si incroci con l’indice della mano sinistra. Ogni tanto mi capita di trovare bambini (mi riferisco a giocatori junior con mani piccole) che adottano questo tipo di impugnatura….  non sono favorevole a questa soluzione per i più piccoli ma questo ve lo posso spiegare quando verrete a trovarmi.

grip-comparison

Oltre ai tre modi di impugnare il bastone descritti sopra,  esistono altre tre variabili che influenzano prepotentemente la posizione della faccia del bastone all’apice del backswing e all’impatto (se il giocatore non aggiunge qualche macro errore nel downswing).

Mi riferisco al numero di nocche della mano sinistra, più specificatamente quando le nocche della mano sinistra sono due si dice che il giocatore sta adottando un grip “neutro”, quando le nocche sono tre ,un grip “forte” e quando se ne vede una sola un grip “debole”.httpwwwgolf-tweaks-comwp-contentuploadstweak-grip-strength

Quando il bastone è all’apice del backswing il polso sinistra domina la posizione della faccia del bastone, se il polso sinistro si appiattisce troppo (diventa più convesso) la faccia del bastone si chiude, se invece il polso sinistro diventa troppo concavo la faccia del bastone si apre e la palla tenderà a partire verso destra . Due esempi significativi sul PGA Tour sono nel primo caso Dustin Johnson e nel secondo Fred Couples. La differenza sta nel fatto che questi giocatori controllano la posizione della faccia del bastone perché adottano un’impugnatura che consente loro di trovarsi nella posizione che desiderano; quello che voglio dirvi è che il polso sinistro non finisce all’apice del backswing troppo concavo o troppo piatto per errore ma perché nel primo caso il grip di partenza è debole e nel secondo forte. Questi due giocatori adottano due grip diversi perchè diverso è il loro modo di riportare la faccia del bastone all’impatto.

Attenzione quindi al grip perchè se grippate bene il bastone potete evitare una moltitudine di errori !

In generale vale la seguente regola:

“all’apice dovreste avere lo steso angolo del polso sinistro che avete all’address”

se ciò non succede la posizione della faccia cambia ed è più difficile controllare il volo della palla .

(Thank you to Golf Distillery for the pict).

 

Tanti auguri giuliafranchinigolf!

Il mio blog compie 10 anni! 
Iscriviti alla newsletter e riceverai il 10% su una lezione individuale.

Privacy

Iscrizione avvenuta con successo!